McLaren 675 LT, un ulteriore passo verso l’evoluzione finale



Il nuovo modello di Woking, presentato nel marzo 2015 a Ginevra , non è come si potrebbe pensare, una 650 S con un paio di aggiornamenti: la 675 LT è stata infatti pesantemente rivista per diventare più leggera, potente e veloce della “sorella”.


Il numero 675 è un riferimento ai cavalli del suo motore mentre la sigla LT sta per “Long Tail” ed è un riferimento alla celebre McLaren F1 versione GTR del 1997.


Una vera e propria evoluzione


Rispetto alla 650S, la nuova McLaren 675LT è stata rinnovata in più della metà della componentistica con l’impiego di nuovi elementi in materiali compositi, in modo da eliminare un centinaio di kg dal peso complessivo della vettura che, adesso, fa registrare una massa di 1.230 kg in ordine di marcia.


In particolare, il corpo vettura risulta completamente rinnovato nella parte posteriore, grazie a un ampio ricorso a pannelli e appendici in fibra di carbonio: nuove bandelle laterali sottoporta, inedite prese d’aria, nuovi spoiler e, soprattutto, un inedito “air brake” posteriore, di dimensioni maggiori, nel quale è stata integrata una funzione che ne modifica l’assetto alle alte velocità, un po’ come avviene con il DRS in Formula 1.


Nuovo, a livello di componentistica e settaggi, è anche l’assetto, che nella McLaren 675 LT comprende un set di sospensioni indurite del 27% all’anteriore e del 60% al retrotreno; le carreggiate risultano allargate di 20 millimetri, i cerchi, da 19×8.5 all’anteriore e 20×11 al posteriore, montano un set di pneumatici PZero Trofeo R.



La dotazione a richiesta per McLaren 675 LT prevede l’allestimento con “Club Sport Pack” (kit che comprende rollbar in titanio, impianto di estinzione e cinture di sicurezza a quattro punti), “Club Sport Professional Pack”, pacchetto che all’equipaggiamento precedente aggiunge un nuovo set di appendici aerodinamiche in fibra di carbonio, e un vasto elenco di personalizzazioni che variano dalle tinte della carrozzeria esclusive ai sedili con struttura in carbonio riscaldabili e rivestiti in pelli pregiate, e alle telecamere sincronizzate con la telemetria MTT – McLaren Track Telemetry.


Meccanica dal cuore pulsante


Sotto il cofano, la nuova McLaren 675 LT rivela una chiara parentela con la 650S e le altre proposte di Woking: l’unità powertrain (battezzata con la nuova sigla “M838TL”) è il conosciuto V8 da 3,8 litri biturbo, con la differenza che nella 675 LT è stato aggiornato anch’esso nel 50% della componentistica.


In questo modo, la potenza del V8 è aumentata da 650 a 675 CV a 7.100 giri/min e 700 Nm di coppia massima disponibili fra 5.500 e 6.500 giri/min. Il cambio è doppia frizione a sette rapporti.


Dati alla mano, i valori prestazionali comunicati da McLaren per la nuova 675 LT ne rispecchiano il carattere da supercar: velocità massima 330 km/h, accelerazione 0 – 100 km/h in 2,9 secondi e 0 – 200 km/h in 7,9 secondi.



Le modifiche alla carrozzeria della McLaren 675 LT rispondono a precise esigenze funzionali: lo splitter anteriore in fibra di carbonio e le minigonne laterali più pronunciate convogliano l’aria in modo più efficiente, le prese d’aria laterali servono a raffreddare i radiatori e l’alettone attivo ha dimensioni maggiorate del 50% per aumentare la deportanza.


Il sistema di scarico a doppia uscita circolare è realizzato in titanio mentre il paraurti posteriore con prese d’aria specifiche e il diffusore sono in fibra di carbonio, mentre il lunotto sul cofano motore è invece in plexiglass con feritoie di ventilazione. Nell’abitacolo, dalla chiara impostazione “racing”, spiccano invece i sedili con guscio in fibra di carbonio e rivestimento in alcantara.



Versione Spider, per chi ama l'aria aperta


Alle cinquecento 675 LT di serie prodotte vanno aggiunti altri 500 esemplari della sua versione Spider.


La Spider condivide con la versione coupé la monoscocca in carbonio e gran parte dei componenti, ad eccezione di un hardtop pieghevole - come quello della McLaren 650S Spider - operabile anche in movimento fino ad una velocità massima di 30 chilometri orari.


La Spider pesa 40 kg in più rispetto alla versione Coupé ma ben 100 in meno della McLaren 650S, per un peso complessivo di 1.270 chilogrammi a secco.


La configurazione Long Tail riprende quella già vista sulla McLaren 675LT con AirBrake allungato del 50% ed altri accorgimenti aerodinamici che permettono una migliore stabilità a velocità elevate.


La più sportiva Open Top delle McLaren Super Series sarà così in grado di spingersi fino a circa 330 chilometri orari di velocità massima, raggiungendo i 100 chilometri orari da ferma in 2.9 secondi.



La divisione MSO (McLaren Special Operation) - quella delle McLaren più esotiche - si è poi impegnata particolarmente per creare una personalizzazione capace di soddisfare i clienti più esigenti.


La nuova spider McLaren 675LT Carbon Series di MSO nasce con una carrozzeria totalmente in fibra di carbonio a vista (40% in più di fibra di carbonio rispetto alle sorelle) con finitura trasparente lucida.


Tutte le componenti della carrozzeria sono realizzate in materiale composito con fibre perfettamente allineate che creano una texture molto particolare e avvolgente sull’esterno della vettura.


Nessuna novità tra le soluzioni tecniche, infatti sotto il cofano ritroviamo il potente motore V8 TwinTurbo da 3.8 litri in grado di sviluppare una potenza di 675 CV e 700 Nm di coppia massima.


Al momento della sua uscita la 675 LT è per distacco la McLaren più leggera, veloce e divertente nella gamma “Super Series”. Pur non essendo un’auto dirompente o “definitiva” essa è un altro piccolo passo avanti per l’azienda di Woking nel competitivo mercato mondiale delle supercar.



SCHEDA TECNICA


Coupé, Spider

Trazione posteriore


Dimensione e pesi


Lunghezza 4512 mm

Larghezza 2093 mm

Altezza 1203 mm

Passo 2670 mm

Peso a vuoto 1230 kg


Motore


Cilindrata 3799 cm3

Tipo M838T V8

Alesaggio e corsa 93.0 x 69.9 mm


Meccanica


Potenza 496 kW/675 CV a 7100 giri/min

Coppia 700 Nm a 5000-6500 giri/min

Cambio automatico a sette marce


Carrozzeria


Fibra di carbonio

Freni Anteriori dischi autoventilanti (394 mm)

Freni Posteriori dischi autoventilanti (380 mm)

Pneumatici Pirelli P-Zero / Cerchi: 19 pollici davanti e 20 pollici dietro


Performance dichiarate


Velocità massima 330 km/h

Accelerazione 0 a 100km/h 2,9 s



Andrea Schinoppi