Glickenhaus SCG 003, la nascita della fiamma Newyorkese



La Scuderia Cameron Glickenhaus SCG 003, nome di progetto P33, è un'auto sportiva e da corsa in edizione limitata sviluppata e prodotta dalla casa automobilistica americana Scuderia Cameron Glickenhaus LLC.


Annunciata per la prima volta come P33 nel 2013, la SCG 003 è stata lanciata nel 2015 al Salone di Ginevra.


La nascita di un sogno


Da facoltoso collezionista a costruttore di supercar: questa è la storia di James Glickenhaus, sessantaquattrenne americano che nel 2011 decide di fondare la Scuderia Cameron Glickenhaus.


Tutto ha inizio nel 2005 con la Ferrari P4/5, la one-off voluta da Andrea Pininfarina per riavviare la divisione “Special Project” sotto la direzione dell’ingegner Paolo Garella.



Nel 2011 ne viene realizzata una variante destinate alle corse, la P4/5 Competizione su base Ferrari 430 Scuderia e Ferrari 430 GT2 sempre sotto la supervisione di Garella e, nel 2011 e nel 2012 ottiene alla 24 Ore del Nürburgring un secondo e un primo posto nella categoria sperimentale E1-XP2, con la P4/5 Competizione M (modificata) completò nel 2012 un giro del Nürburgring in 6 minuti e 51 secondi, sette secondi più veloce della Ferrari 599XX.


Da questa prestazione mostruosa nasce l’idea di James Glickenhaus di costruire una vettura che porti il suo nome: si chiama SCG003, ad indicare la terza one-off della Scuderia), e viene declinata in variante stradale tramite la sigla SCG003S, e da competizione con la denominazione SCG003C.



La vettura, chiaramente ispirata alle forme dei prototipi LMP1 e LMP2 impegnati nelle gare di durata, viene plasmata dalla Granstudio di Torino guidata da Lowie Vermeersch e Goran Popovic, insieme alla Podium Engineering di Paolo Catone, “padre” della Peugeot 908 che ha vinto la 24 Ore di Le Mans nel 2009.


Il direttore del progetto SCG003 è ancora una volta Paolo Garella, figura che ha guidato il team nei 18 mesi di sviluppo.


Omologazione in 3 versioni


Il 18 luglio 2017 la domanda della Scuderia Cameron Glickenhaus LLC alla NHTSA di essere un produttore di bassi volumi è stata "ritenuta approvata" consentendole di produrre fino a 325 auto chiavi in ​​mano all'anno che non devono aderire agli standard federali sui crash test e sugli airbag, ma comunque necessari per rispettare le norme sulle emissioni e sulla sicurezza nello stato in cui sono registrati.


L'azienda ha pianificato di produrre tre varianti di SCG 003 che coprono le competizioni, le giornate in pista e la guida su strada, tutte con lo stesso telaio modulare per consentire parti intercambiabili.



La versione 003CS o "Competizione Stradale" è di fatto una via di mezzo tra le versioni Stradale e Competizione in termini di specifiche, rendendola essenzialmente una versione orientata alla pista, ma da strada, con solo un numero minimo di indennità per renderlo legale su strada.


La 003S "Stradale" invece, rappresenta il terzo modello della serie 003 ed è una versione più lussuosa della 003C, caratterizzata da interni comodi e pregiati e caratteristiche aerodinamiche da strada.



Meccanica d'eccellenza


Per quanto riguarda la versione stradale, la vettura è alimentata da un motore otto cilindri a V biturbo fornito da BMW da 4,4 Litri, messo a punto per generare una potenza massima di 750 Cavalli e una coppia massima di 800 Nm, permettendo a tutti i 1300 kg di peso della SCG003S di accelerare da fermo a 100 in tre secondi.


Grazie alle sue caratteristiche aerodinamiche, l'auto raggiunge una deportanza di 1.543 libbre, pari a circa 700 kg, ad una velocità di 249 km/h, ed è in grado di raggiungere un'accelerazione laterale di 2,0 G.


Il telaio è realizzato in fibra di carbonio progettata per la sostituzione rapida del motore, utilizza una trasmissione a frizione a doppio disco sequenziale elettroidraulica a 7 velocità, sospensioni sono di tipo “push-rod” ed elettronica è firmata Bosch.



Per la versione "Competizione Stradale" il propulsore è il medesimo otto cilindri BMW, mentre differisce invece la configurazione aerodinamica, in quanto è presente una nuova ala posteriore in fibra di carbonio e diverse appendici, con un peso che viene ridotto a soli 1.179 kg (2.600 libbre).


A differenza della controparte stradale, la versione da competizione è invece alimentata da un motore V6 biturbo da 3,5 litri derivato dal prototipo Honda Daytona e messo a punto per fornire una potenza massima di 500 Cavalli (373 kW) limitato secondo il regolamento FIA, con l'unità messa a punto da Autotechnica Motori d'Italia.



L'auto ha anche un peso maggiorato di 1.350 kg imposto dai regolamenti di categoria prescritti dalla FIA.


Dulcis in fundo, James Glickenhaus ha messo a disposizione di ogni cliente che sceglierà la sua supercar un team di meccanici sempre disponibili a viaggiare in tutto il mondo per raggiungere eventuali clienti in difficoltà ed aiutarli a risolvere qualsiasi problema si dovesse presentare sulla vettura.


La versione stradale della SCG003 ha un costo di circa 1,3 milioni di dollari.



Competizioni


Dall'introduzione della SCG 003C nel 2015, la Scuderia Cameron Glickenhaus ha gareggiato nella 24 Ore del Nürburgring e in varie gare del VLN Nürburgring nelle stagioni 2015-2017, conquistando nella ventiquattrore di quest'ultimo un tempo record sul giro pari a 6:33.20.



Nel settembre 2016 la scuderia e la Traum Motorsport hanno lanciato un programma clienti SCG 003C e hanno gareggiato con un'auto anche nelle gare 2016 DMV GT e Touring Car Cup (DMV-GTC) e Dunlop 60 a Zolder.



SCHEDA TECNICA



SCG 003S



Telaio, carrozzeria e controtelai in fibra di carbonio


Motore biturbo BMW da 4,4 litri a flusso inverso con carter secco da corsa, con 700 CV alle ruote posteriori


1900 libbre di carico aerodinamico netto e 2G di pneumatici su strada ad aderenza meccanica


Velocità massima superiore a 230 MPH


0–60 MPH in meno di 3 secondi


Cambio al volante Cima cambio


Freni Brembo carboceramici


Ruote Forgeline Centerlock


Ammortizzatori regolabili dal conducente con diverse impostazioni per strada e pista


Specchietti laterali ispirati alle corse con telecamere laterali integrate e schermi per specchietti laterali sul cruscotto


Strato protettivo sacrificale in legno sotto lo splitter anteriore e che percorre la lunghezza del fondo dell'auto


Sollevatori anteriori e posteriori azionati dal conducente


Scelta di vernice esterna e interni in pelle o colori Alcantara


Corpo in fibra di carbonio naturale o colorato con rivestimento trasparente opzionale (dal prezzo pari a 115.000 dollari)


SCG 003CS


Uguale a 003S tranne quanto segue:


Corpo CS, alettone posteriore e interni


2200 libbre di carico aerodinamico netto


Peso 2600 libbre




Andrea Rasponi